La nascita de La fabbrica delle nuvole

la-fabbrica-delle-nuvole“La fabbrica delle nuvole” comprende nove brani di cui una piccola parte, con testi in inglese, è stata eseguita dal vivo  nei concerti di questi ultimi anni. In seguito all’arrivo dei testi di Roberto Roversi  durante le registrazioni delle basi, abbiamo deciso di effettuare molte modifiche nelle stesure, nei suoni e nell’arrangiamento complessivo per adattare i brani ai nuovi contenuti e ottenere una metrica fluida. Non è stato facile e sicuramente c’è voluto il tempo necessario perché tutto fosse equilibrato ed omogeneo, ma pensiamo che il risultato finale ripaghi il ritardo e gli sforzi perché ha dato origine a qualcosa di estremamente nuovo soprattutto considerando il panorama progressive dove i testi sono spesso un po’ troppo subordinati alla musica. Ogni brano è una storia a sé ma nell’insieme genera ciò che Roversi aveva perfettamente colto nei nostri intenti e cioè quello di realizzare un viaggio tra pensieri positivi con una speranza per il tempo che verrà. Il primo brano “Un ciclone sul Pacifico” esprime pienamente questo desiderio di cambiamento dove l’incapacità di comunicare si trasforma nelle parole del futuro. In effetti, se le parole diventano protagoniste, anche il modo di suonare e cantare deve adattarsi a un rigore nuovo dove svolazzi e ricami trovano poco spazio a tutto vantaggio dell’intensità complessiva. A differenza del primo disco del ’75 tutte le parti musicali e vocali di questo album sono state eseguite dalla band senza partecipazioni esterne. Riprese e missaggio sono stati realizzati nel nostro studio digitale, il mastering finale presso lo studio Hit Factory dell’amico Nicolò Fragile. Così è nata “La fabbrica delle nuvole”, un album che da un lato continua la nostra tradizione e dall’altro apre una strada nuova, più ampia, dove l’anima progressive e la vera poesia si avvolgono in un abbraccio quasi indivisibile.

Il nostro ringraziamento va a:

Antonio Bagnoli per l’amicizia, la cortesia, la disponibilità e soprattutto per aver donato ai nostri brani i testi di Roberto.

Nicolò Fragile per il mastering e i preziosi consigli.